Parlano di noi - Telegram perché

Parlano di noi

Rachele Zinzocchi‘Telegram perché’, il primo libro sulla piattaforma più adatta per il business

Telegram, perché? Perché ti risolve la vita. È la risposta alla domanda chiave: come fare business oggi, in questi nostri tempi di crisi, tramite il digitale, usandolo bene, dunque proficuamente, in modo responsabile, etico e, così, produttivo e remunerativo. Telegram è lo strumento che, se ben adoperato, aiuta a raggiungere il successo, i propri traguardi e obiettivi, nel lavoro e nella vita: a beneficio non solo nostro, ma della società tutta, sul piano educativo e istituzionale, economico e politico, del mondo dell’informazione e della comunicazione. Continua a leggere qui


telegram-perchéArriva “Telegram Perché”, il primo libro su Telegram tra guida, manuale e lettura di piacere

Telegram è una piattaforma sociale in crescita, ma su cui raramente l’editoria si pronuncia: è il frutto di una scelta strategica precisa dell’applicazione che, condizionata dal pensiero del suo fondatore Pavel Durov, ha deciso di non destinare nemmeno la più piccola frazione del budget a disposizione per la promozione ed il marketing. Continua a leggere qui


logo-key4bizTelegram perché

Telegram cresce a un ritmo di 600mila nuovi utenti al giorno: tutte le ragioni (esemplificate, documentate e linkate) per le quali è da preferire a qualsiasi altro sistema di messaggistica, anche perché va ben oltre la chat, offrendo in tutte le declinazioni applicative il requisito irrinunciabile della sicurezza dei dati.Questo ebook non è soltanto un puntuale manuale per capire cosa fare, come farlo e perché farlo con Telegram; è anche visione, strategica e operativa, della vita digitale alla quale troppi continuano ad affacciarsi da sprovveduti. Continua a leggere qui


logo_testata_smwIl futuro di bots e chatbots: «Ma l’intelligenza artificiale è utile solo quando è etica»

Secondo il Bot traffic report su internet il 51,8% degli utenti sono rappresentati da bot e non da umani. Di questi, il 22,9% sono good bot mentre il restante 28,9 bad bot. La media consultant e autrice – in prossima uscita il suo “Telegram, perché” – Rachele Zinzocchi ha parlato nella Sala Deluxe della Casa del Cinema di intelligenza artificale, bot e chatbot e di un modo etico per utilizzarli. I bad bots sono quelli messi in circolo dagli hacker per prendere dati furtivamente, o persino rubare identità, come gli impersonator. Continua a leggere qui


Intelligenza artificiale social media week romaIntelligenza artificiale, il futuro è nelle chatbot

Le macchine ci sostituiranno? Svilupperanno un’intelligenza cognitiva tale che renderanno l’essere umano superfluo? Dobbiamo attenderci un futuro alla “Terminator”? Niente di tutto questo. L’Intelligenza Artificiale è uno dei campi di ricerca più promettenti dell’universo tecnologico, lì dove le major stanno approfondendo per un orizzonte di sviluppo potenzialmente illimitato. Continua a leggere qui


social-media-week-Roma-2017Bot, Chatbots, Artificial Intelligence: come usarli in modo sano, consapevole, etico, proficuo. Per il business e la vita

Una riflessione che nasce all’insegna di 2 parole chiave, anzi 3. #Digital #Education e #HelpMarketing, #HelpFullNess: ossia, l’urgenza di una nuova consapevolezza, responsabile, etica del Digitale come strumento, non buono o cattivo in sé, ma tale in base all’uso che se ne fa. Bot e #AI in primis, ora come mai al centro della scena. Il principale mezzo, dunque, da usare bene per il bene: per realizzare quel «New Marketing» – il nuovo modello di business vincente oggi – riassumibile nel motto Vuoi vendere? Aiuta! Così avrai successo, nel lavoro e nella vita. Continua a leggere qui


Telegram perchéInnovazione? La risposta è Telegram – intervista a Rachele Zinzocchi

Rachele Zinzocchi è la prima a scrivere in Italia un’opera su Telegram! Si avete inteso bene, il primo libro in Italia dedicato a Telegram l’ha scritto lei! Una donna con una vocazione fortissima per il coaching, per la formazione e per il public speaking. In che cosa si declina la sua filosofia? In tre punti fondamentalmente: un percorso e una necessità di Digital Education, educazione digitale quindi, intesa come educazione civica digitale, innanzitutto educazione in un progetto in essere con le scuole al quale in questo ultimo anno si è data con tutta se stessa, del quale parleremo anche su Convincere in un articolo dedicato sulla rubrica formazione. Continua a leggere qui

rachele zinzocchi-telegram perchéTelegram perchè – Intervista alla Guru del Social Care Rachele Zinzocchi

Perché ti risolve la vita. È la risposta alla domanda chiave: come fare business oggi, in questi nostri tempi di crisi, tramite il Digitale, usandolo bene, dunque proficuamente, in modo responsabile, etico e, così, produttivo e remunerativo. Telegram è lo strumento che, se ben adoperato, aiuta a raggiungere il successo, i propri traguardi e obiettivi, nel lavoro e nella vita: a beneficio non solo nostro, ma della società tutta, sul piano educativo e istituzionale, dell’informazione e della comunicazione. Continua a leggere qui


Telegram-perché-parlano di noiTelegram: dall’Italia il primo libro che spiega alle aziende come usarlo per il loro business

In Italia sono molteplici gli estimatori di questa applicazione, che può essere usata sia da desktop sia da mobile, e tra loro, a inizio settembre, si è fatta notare in modo particolare Rachele Zinzocchi, digital consultant e promotrice della filosofia dell’help marketing, che ha scritto il primo ebook in Italia dedicato al mondo creato dai fratelli Durov, intitolato “Telegram perché?”, e che abbiamo voluto incontrare per capire meglio le ragioni per cui un’azienda dovrebbe scegliere di utilizzare i servizi offerti dalla piattaforma russa. Continua a leggere qui

telegram-perche-750x370Telegram perché, di Rachele Zinzocchi

La piattaforma Telegram cresce al ritmo di seicentomila nuovi utenti al giorno e non è più un fenomeno di nicchia, legato esclusivamente agli “smanettoni” della rete. È anche per questo che Rachele Zinzocchi, digital strategist e speaker in molti tra i più importanti eventi italiani sul mondo digitale, ha pensato e scritto questo ebook, indicando tutti i motivi per cui Telegram ha una marcia in più rispetto agli altri sistemi di messaggistica. Continua a leggere qui

Rachele ZinzocchiWhatsApp a caccia di soldi. Si ‘sdoppia’ e nasce ‘Business’ per le aziende

Il social network sta testando ‘WhatsApp Business’ per iniziare a monetizzare con i chatbot. La prima partnership è con KLM, a breve, anche in Italia, i passeggeri della compagnia aerea ricevono in chat conferma della prenotazione, la notifica del check-in, la carta d’imbarco e le informazioni sul volo. È nata per far rimanere in contatto amici e parenti. Oggi WhatsApp è usata, ogni giorno, da più di un miliardo di persone e molte utilizzano l’applicazione anche per comunicare con la pasticceria di fiducia e il negozio preferito, per esempio. Continua a leggere qui

telegrapm perché smartphoneTelegram supera Whatsapp in educazione

Parallelamente a questi scenari che inquietano e solleticano le coscienze, è appena uscito un libro curato da R. Zinzocchi dal titolo eloquente “Telegram Perchè“, che individua nell’App indipendente dai grandi gruppi che dominano il mondo dell’online, il braccio operativo ideale per una nuova educazione civica: quella digitale. Non solo la sua sicurezza, ma tutte le possibilità offerte dalla piattaforma, a partire dall’uso dei BOT (strumenti automatici che si appoggiano all’AI) e dai canali attraverso i quali diffondere i contenuti in modalità broadcast. Continua a leggere qui

telegram perchéIntervista a Rachele Zinzocchi

Ospite della puntata, Rachele Zinzocchi, Digital Strategy R&D, Public Speaker, Coach, Author, che ci parla della sua ultima creazione, il libro Telegram perché.
Ci spiega come nasce il suo libro,ci parla del #HelpMarketing, della cultura del digitale, usata bene per il bene, in modo responsabile ed etico, nell’eco sistema in cui ci troviamo. Le caratteristiche del dna di Telegram sono: velocità, sicurezza, convenienza, rapporto qualità prezzo unico, successo a costo quasi zero.  Continua a leggere qui